La sfida del vasino: 7 dritte per non impazzire con lo spannolinamento

Sta arrivando l’estate, il caldo e… il tempo per togliere il pannolino a vostro figlio!

Passare dal pannolino al vasino è una sfida che richiede tempo e pazienza sia per i genitori che per i bambini. Come tutte le sfide ci possono essere dei passi avanti veloci e dei piccoli passi indietro.

1. Quando è il momento di passare al vasino?

Di solito il bambino è fisicamente e cognitivamente pronto a togliere il pannolino fra i 18 e i 24 mesi. Tuttavia ogni bambino ha un suo tempo. È molto importante non correre troppo in questa fase! Meglio proporre lo spannolinamento dopo i 2 anni se si capisce che è troppo presto per il bambino.

2. Come si capisce quando è il momento di togliere il pannolino?

Arrossire, nascondersi, manifestare una sensazione di disagio dopo la pipì o la cacca sono segnali che dicono che il bambino si sta preparando a fare a meno del pannolino.

Comunicare che sta per fare pipì o cacca o cercare di togliersi il pannolino quando sta per fare pipì sono segnali che il bambino riconosce lo stimolo alla minzione o all’evacuazione.

Aiutare il bambino a riconoscere il linguaggio del suo corpo lo aiuterà a mettere in relazione il momento prima della pipì, che è quello in cui dovrà recarsi sul vasino o sul riduttore.

3. Come si introduce il vasino o il riduttore?

Inserire il vasino o il riduttore all’interno del bagno e assecondare la naturale curiosità del bambino sarà un buon punto di partenza. Nel bambino l’apprendimento avviene soprattutto per imitazione degli adulti; vedere e comprendere che anche il bambino ha a disposizione il “water dei piccoli” può facilitare la familiarizzazione con questo nuovo oggetto.

 

4. Assecondate i ritmi del bambino

Dopo aver cambiato valanghe di pannolini saprete più o meno ogni quanto vostro figlio fa pipì. Mettiamo che di solito il tempo fra una pipì e l’altra è di due ore circa.  Nel primo periodo senza pannolino potete portarlo al bagno ogni ora circa così da evitare incidenti! Continuate a incoraggiare il riconoscimento dello stimolo, osservando il bambino.

 

5. Premiate l’uso del vasino o del riduttore

Per un bambino può essere noioso stare sul vasino nell’attesa di fare la pipì. Preparate dei giochi e dei libri che vostro figlio può usare unicamente quando sta sul vasino. Questo gli renderà meno odioso rinunciare a giocare per fare la pipì.

 

6. Non rimproveratelo se si sporca

Usate tante lodi e complimenti quando la missione vasino va a buon fine. Se capita che si sporchi, invece, evitate rimproveri. Il bambino può avere difficoltà e non riuscire subito a riconoscere in tempo e a comunicare la necessità del vasino.

 

7. Se non ci riesce oggi ci riuscirà domani

Per mamma e papà togliere il pannolino sta diventando la prova di quanto si è bravi come genitori. Vivere lo spannolinamento come un risultato da ottenere presto e velocemente provoca frustrazione nell’adulto e di conseguenza nel bambino. La frustrazione del mancato successo potrebbe portare a un completo rifiuto del vasino. Anche i paragoni non aiutano. Ricordate che nessun bambino è in ritardo o in anticipo: ogni bambino è nel suo tempo.

 

Hai altri dubbi? Scrivimi qui sotto. 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *