Blue Monday: cosa vi convinceranno a comprare oggi?

Oggi è il Blue Monday, il giorno sulla carta, più triste dell’anno.

Il giorno più triste dell’anno cade il terzo lunedì di gennaio e sarebbe l’esito di una combinazione di diverse variabili:

  • niente più lucine e vacanze di Natale

  • il freddo dell’inverno e il buio delle giornate

  • il conto in rosso rispetto alla mole di scadenze che si avvicinano

  • il fallimento dei buoni propositi appena fatti per il 2018

  • bassa motivazione nell’affrontare la quotidianità

  • bisogno di prendere il controllo della propria vita

è stata persino ideata una formula matematica per cercare di rendere più credibile l’abbassamento dell’umore tipico di questo periodo. Tuttavia non esistono prove, né dati rilevanti a supporto del Blue Monday.

Forse per questo fa sempre più discutere la definizione di un giorno “mogio” in cui tutti hanno il diritto di sentirsi tristi. Infatti, chi soffre di un disturbo dell’umore come la depressione sa che il malessere prescinde dalle date. Da una parte, il termine “depresso” viene sempre più spesso usato per descrivere lo stato d’animo di sentirsi un po’ giù di morale. Dall’altro, l’aumento dell’attenzione mediatica sul Blue Monday contribuisce ad aumentare i pregiudizi e la cattiva informazione sulla depressione.

Il primo blue Monday é stato ideato da una compagnia di viaggi. Non è un caso che fra le attività più gettonate per contrastare gli effetti del Blue Monday, ci sia acquistare un biglietto. Insomma, il lunedì ci sentiamo tutti un po’ a terra, ma se vogliamo andare per saldi e organizzare viaggi non facciamoci fregare!

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *